La storia del Prosecco Valdo

La storia del Prosecco Valdo inizia nel 1926, quando un gruppo di intraprendenti imprenditori di Valdobbiadene decise di unirsi creando la Società Anonima Vini Superiori: un’azienda dedita principalmente alla spumantizzazione del Valdobbiadene Prosecco Superiore e del Cartizze.

Il grande salto di qualità avvenne all’inizio degli anni Trento, quando l’azienda venne acquistata dalla famiglia Bolla, che ne cambierà il nome in Valdo Spumanti solo successivamente nel 1951.

Sergio Bolla, padre dell’attuale Presidente Pierluigi, focalizzato nell’espandere le vendite sia in Italia che nei mercati esteri, fissò nuovi obiettivi commerciali e produttivi con l’ambizione di far conoscere il Prosecco Valdo, o meglio il Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG a tutto il mondo.

1° Presidente Valdo Sergio Bolla
Immagine storica - Confezionamento
Immagine storica - Cantina deposito

Cultura dell’eccellenza,
dal 1926

Il nome Prosecco Valdo richiama immediatamente il territorio superiore di Valdobbiadene, di cui è ambasciatore nel mondo.

Nasce nel 1926 la storia delle Cantine Valdo, proprio in quel territorio premiato dalla natura e cuore della produzione del Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG.

Da allora, Valdo ne valorizza la cultura dell’eccellenza, del gusto e del saper fare, determinata dal lavoro e dall’instancabile passione dell’uomo.
È proprio da questa passione che nasce il Prosecco Valdo.